Serie C: avanti così!!!

MIA Groane – Aironi Robbio 91-78
Parziali: 32-8, 47-43, 57-51, 91-78

Groane: Piva ne, Sampietro, Visini 5, Novati 26, Losa 2, Del Pero 16, Brenna ne, Cardani 11, Bartesaghi, Meroni, Bergna 16, Mantelli 15
All. Bocciarelli

Prestazione solida per MIA Groane, che regola Robbio al termine di una partita sulle montagne russe, ma sempre in controllo. Da un lato, Groane vuole continuare il suo percorso di avvicinamento ai playoff e vendicare la brutta sconfitta dell’andata (-13), dall’altro Robbio ha bisogno di iniziare a macinare punti lontano dal Palacantone.
Le facce dei padroni di casa sono quelle giuste già dal riscaldamento, e il primo quarto ne è naturale conseguenza: frazione di livello superiore, perfetta da tutti i punti di vista e ospiti inchiodati a soli otto punti.
Nel secondo quarto la musica cambia: Graone molla un po’ la presa, iniziano ampie rotazioni nella rosa per far assaggiare a tutti il parquet, compreso il nuovo/vecchio innesto Cardani, e Robbio ovviamente vuole dimostrare di essere squadra vera. Ma tutto questo non è comunque sufficiente agli ospiti per raggiungere Groane.
Nel terzo quarto, i primi cinque minuti sono di rara bruttezza, e poi i padroni di casa serrano i bulloni e spinti da Bergna e Novati rimettono le cose in chiaro e a un secondo dalla fine Groane è a +13.
A questo punto l’obiettivo diventa ribaltare la differenza canestri dell’andata, (mai dire mai nel finale di stagione..). Quindi logicamente Bocciarelli, rispettando questo gioco e gli avversari chiama time out, ma qui succede qualcosa che ha poco a che fare con il gioco: viene insultato e minacciato sia durante il time out che a gara conclusa, quando dirigenti e assistenti avversari cercando quasi lo scontro fisico continuano nella loro per niente educata presa di posizione ad insultare e minacciare l’allenatore.
Risultato finale: Robbio esce praticamente indenne dalla scure del Giudice Sportivo, e Bocciarelli riceve una squalifica ingiusta non avendo ricevuto nè richiami nè falli tecnici dirante tutta la gara.

E’ tutto?
No, riflessione finale: per tutti coloro che sia a Robbio che da altre parti pensano che chiamare un timeout a fine gara sia poco rispettoso, ricordiamo che l’anno scorso, proprio a Robbio, uno degli atleti di casa, a partita ormai decisa e mentre atleti e tecnici si stavano già salutando ha preso palla e segnato. Ma in quel caso nessuno di noi ha detto nulla..

Comunque, per noi finisce qui (anche se di errore clamoroso si può parlare serenamente). Come sempre guardiamo avanti e rimaniamo concentrati sulla prossima partita..IL derby!!!
Come sempre..forza Groane!!!